serial kitchen

SAPORI RECLUSI SULLE ALI DELLA LIBERTA’

in questo mondo ci siamo noi che ci consideriamo liberi eppure siamo “ingabbiati” nelle nostre piccole cose, il lavoro, i telefonini, i nostri vizi, i nostri ipod, la televisione; e ci sono loro che la libertà l’hanno persa, vuoi perchè la “vita” li ha costretti a percorrere altre strade, vuoi perchè si sentivano onnipotenti, vuoi perchè non hanno saputo scegliere…
eppure loro, che sono costretti in piccole stanze di 2 metri per 3, si aggrappano a quel poco che riescono a vedere dalla loro piccola finestra a sbarre, alla loro ora d’aria, a quello che noi possiamo dargli con dei piccoli gesti di solidarietà, quelli che i potenti non vogliono dare o non vogliono vedere (provate a leggere l’ Espresso della settimana passata).
questa è una ricetta di uno di loro, provate a farla, provate a mettervi nei loro panni, e se ci riuscite mandate qui i vostri risultati, le vostre opinioni, una foto…quello che volete…avrete donato un sogno, un respiro, un desiderio…che magari si può tramutare in realtà.

buona ricetta!!!

PENSIERI E RICETTE DI GIUSEPPE GREMO

Anche per un recluso esistono momenti di gioia.
E ve ne è uno in particolare, assolutamente sacro, è quello del tanto atteso colloquio, con i familiari, la propria amata, i figli o ancora gli amici a cui si vuol bene, si ama e si prova stima, anche per i tanti sacrifici che fanno al fine di alleviare le sofferenze di chi come noi vive tra quattro mura e un po di sbarre.
Così mi è balenata l’idea di uno spazio dedicato a loro, e quali miglior e unica occasione se non quella del progetto che si sta sviluppando con l’Associazione Sapori Reclusi, grazie a Davide e Stefania, che oltre a essere i nostri insegnanti, sono anche compagni di viaggio in questo percorso di reinserimento.
Solo chi tristemente non è più un uomo libero può dare il giusto e prezioso valore a una simile iniziativa che consente a noi reclusi di poter sconfinare almeno con idee e pensieri al di la di un muro di cinta che ben evidenzia le nostre condizioni.
Ma è giunto il momento di pensare a un po di sana positività.
Questa settimana è stata per me oltremodo speciale, perchè è giunto a colloquio l’amore di papà, un tesoro che ha quasi 10 anni, e porta un nome importante: il mio Leonardo, a cui al di la delle mille coccole, ho raccontato del progetto blog-notes e dell’idea di voler settimanalmente proporre una mia ricetta a chi amo e voglio bene e stimo, ma anche a chi sta iniziando a conoscerci e ci legge.
Quindi la ricetta di questa settimana è dedicata al mio Leonardo e qual miglior connubio se non con qualcosa di dolce, buono e bello da far venir voglia di essere mangiato?
Ho pensato a dei biscotti facili da preparare e gustosi da assaporare.
Buon appetito da Giuseppe

LEONARDINI AL CIOCCOLATO

ingredienti:
75gr di burro a temperatura ambiente
75gr di zucchero semolato
100gr di farina per dolci
2 cucchiaini di cacao in polvere
120ml di latte
50gr di gocce di cioccolato

Preriscaldare il forno a 180 gradi.
Ungete una placca da forno con un po di burro.
Mettete il burro e lo zucchero in una ciotola grande e mescolate con un cucchiaio di legno finchè il composto diverrà soffice e cremoso.
Setacciate nella ciotola la farina e il cacao e amalgamate bene l’impasto, unite il latte e le gocce di cioccolato e mescolate il tutto.
Deporre 8-10 cucchiaiate d’impasto sulla placca da forno unta (probabilmente l’impasto basterà per due infornate).
Cuocete i biscotti per 15-20 minuti. Lasciateli riposare per 2-3 minuti prima di trasferirli su una griglia e farli raffreddare completamente.

Annunci

Filed under: serialrecipe, , , , , , , , ,

Antonio Bufi

Antonio Bufi nasce in quel di Molfetta, una ridente cittadina che si affaccia sull’Adriatico, una manciata di anni fa. Dopo aver provato a far volare dal balcone aeroplanini fatti con i fogli su cui scriveva i sui pensieri imberbi, rimane folgorato come Paolo sulla via di Damasco dalla buccia di limone che sua madre usa per la crema pasticcera...

Valentina Pelizzetti

Valentina Pelizzetti nasce in quel di Torino, una verde cittadina attraversata dal Po, pochi anni dopo Antonio. Dopo aver sognato invano di essere la Carla Fracci de' noiartri si scrive ad architettura...